Strumenti Utente

Strumenti Sito


Barra laterale

Entrata
Benvenuti.
Chi siamo
Chi siamo?
Progetti in essere
La vita intorno la chianina
Ex-voto
Federigo Terrosi
Baricci Giulio Piero
Didattica
Mi ricordo che...
Video
Video.
Immagini
Galleria Miro
Presentazioni
Presentazione del 5.8.2016
Interviste
Interviste
Altro
Sulla privacy
Chat
Visite
Ebook


1
online

Nuova pagina

Non sei autorizzato ad aggiungere nuove pagine

Indice.

nolink


Tutti i contenuti della piattaforma sono pubblicati sotto licenza Creative commons - Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo

progetti:la_liberazione_di_torrita

La liberazione di Torrita di Siena

Il titolo della pagina non è messo lì a caso. Gli amici Cesiano, Alessandro. Carlos sapevano che stavo lavorando a qualcosa del genere e ,vedi il caso, al piccolo lavoro ormai quasi ultimato darò proprio il titolo di “La Liberazione di Torrita di Siena”. Insieme all'amico Vincenzo Marzo che mi sta accompagnando, quasi “tenendomi per mano” in questa ricerca, siamo ormai giunti alle

comclusioni finali e pensiamo , finanziatori permettendo, di poter fare una piccola presentazione di questo lavoro intorno al prossimo 25 aprile magari insieme dall'ANPI di Torrita .

Torrita, secondo me, non è stata liberata il 16 giugno 44 , come è stato scritto e tramandato grazie a quell'iniziativa in gran parte voluta dalla casta fascista locale in odore di epurazione che si appropriò dell'amministrazione comunale per alcuni giorni , ma è stata liberata il 1 luglio 1944 dai partigiani della Mencattelli guidati da” Sole” che precedettero di qualche ora le truppe sudafricane alleate provenienti da Montepulciano. Di questo complesso argomento e del movimento partigiano locale che abbiamo voluto parlare.

A presto

Giulio Fè

Giulio ha ragione, il falso storico della Liberazione di Torrita è purtroppo ad oggi il dato ufficiale che certifica la data 16 giugno '44 (mentre tutti i comuni limitrofi a Torrita furono liberati a partire dal 28 giugno fino al 2 luglio). Quando stavo lavorando al mio libro “La Casa del Popolo e la Casa del Fascio ad Abbadia di Montepulciano”,anch'io mi accorsi di questa strana incongruenza riportata dai libri e dai documenti ufficiliani e scrissi quattro parole sullo strano caso torritese definendolo appunto “un caso anomalo”. Chiacchierando con Giulio ho poi capito e subito condiviso la sua teoria su gli ex fascisti torritesi della prima ora che cercarono con quel documento di potersi in qualche modo ripulire dal “peccato originario” filo-mussoliniano. Uno dei punti di forza del tuo libro, caro Giulio, dovrà essere anche questo: puntare il dito sul citato falso storico, entrare nel merito descrivendo chi erano veramente lor signori ex camicie nere che in pompa magna il 16 giugno crearono una sorta di “comitato provvisorio” a guida del Comune che: “rimarrà in carica fino a che verrà nominato dalla competente autorità un legale amministratore del Comune” (dal verbale della riunione, pubblicato su “1943 - 1945 la liberazione in Toscana”, 1994, Firenze, a cura dell'AICCRE associazione italiana per il consiglio dei comuni e delle regioni d'europa). Giulio aspetto con trepidazione l'uscita del tuo libro. A presto. Alessandro Angiolini

8 dicembre 20111

Cari amici Giulio e Cesiano vi ringrazio della bella giornata trascorsa insieme, iniziata con una colazione deliziosa (da leccarsi i baffi: uova con il tartufo, salame di cinta, pecorino di Pienza e un vino genuino buonissimo) in un posto fantastico tra i più belli di Torrita e della nostra zona. La gita a Monticchiello ci ha riservato inaspettate sorprese e aiutati dalla fortuna (o dal destino che lì ci aspettava?) siamo riusciti a ricostruire un pezzo di memoria offuscata dal tempo: il podere che fino a pochi anni fa aveva le grate forate dalla Breda di Italo Del Maso il giorno della battaglia. Abbiamo avuto anche il tempo di visitare (grazie all'occhio esperto di Giulio) nei pressi di Palazzo Massaini una necropoli dimenticata, saccheggiata o scavata chissà quanti anni fa. E poi io ho avuto l'onore di dare un'occhiata alla bozza del libro di Giulio, “La liberazione di Torrita di Siena”, ormai pronto per le stampe. Voglio rinnovariti caro Giulio i miei complimenti per un'opera ben fatta, con citazioni precise, riproduzioni di documenti, una ricostruzione storica a prima vista puntigliosa, scientifica, che desterà interesse e che a livello bibliografico sarà un punto di riferimento per studiosi e appassionati. Anzi, come ti ho detto poche ore fa, dal momento della sua divulgazione, dovrai iniziare un altro percorso, importante: quello di far modificare alla Regione Toscana (con l'aiuto dell'ANPI, delle istiutuzioni e dell'Archivio della Resistenza senese) la data di Liberazione di Torrita di Siena. Una splendida giornata, grazie ragazzi. Alessandro Angiolini

Torna all'inizio

progetti/la_liberazione_di_torrita.txt · Ultima modifica: 09/07/2016 15:45 (modifica esterna)