Strumenti Utente

Strumenti Sito


Barra laterale

Entrata
Benvenuti.
Chi siamo
Chi siamo?
Progetti in essere
La vita intorno la chianina
Ex-voto
Federigo Terrosi
Baricci Giulio Piero
Didattica
Mi ricordo che...
Video
Video.
Immagini
Galleria Miro
Presentazioni
Presentazione del 5.8.2016
Interviste
Interviste
Altro
Sulla privacy
Chat
Visite
Ebook


1
online

Nuova pagina

Non sei autorizzato ad aggiungere nuove pagine

Indice.

nolink


Tutti i contenuti della piattaforma sono pubblicati sotto licenza Creative commons - Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo

documenti:razza-chianina:integrali:1875

1875-Atti del congresso medico-veterinario di Firenze

Trovato il nonno della chianina.

Mentre davamo per assodato, scorrendo la storiografia ufficiale, chi fosse il padre della razza chianina, qualcuno si era azzardato ad ipotizzare una genesi diversa1).
Anche se non avevamo materiale storico a disposizione,2) da quel poco che avevamo avuto la fortuna di reperire, potevamo intuire una narrazione differente da quella che ufficialmente viene ancora diffusa.
Uno sguardo particolare ci era cascato su un dottore veterinario3) che aveva “operato in zona” durante buona parte del XIX secolo.
Del dottor Luatti ci aveva incuriosito il metodo scientifico adottato che lo portava a comunicare dettagliatamente la sua esperienza lavorativa ai colleghi dell'università di Bologna e la sua forte propensione a condividere i risultati.
Ma dal 20124) e fino a qualche giorno addietro5) non avevamo pezze d'appoggio che suffragassero tale ipotesi6). In particolare avevamo messo in conto che uno spunto di riflessione ci sarebbe arrivato dall'opportunità di poter leggere la relazione del Luatti al Congresso medico-veterinario di Firenze del 18757).
Infatti. Sia leggendo la relazione introduttiva, sia scorrendo il dibattito fino agli ordini del giorno approvati, possiamo finalmente affermare che, senza il fondamentale intervento di Vincenzo Luatti, il bovino di razza chianina, come lo conosciamo oggi, non esisterebbe.
Ma vi lasciamo alla sorpresa della lettura anticipando solo un piccolo assaggio:

Luatti salva la razza chianina

Luatti salva la razza chianina da coloro che la volevano incrociare
1875- gli atti

Siccome, come si suol dire, l'appetito vien mangiando, con lo stesso metodo di ricerca8)9)siamo andati a ritroso nel tempo alla ricerca di quegli indizi che ci facessero capire chi fosse “l'innominato”, come si fosse speso per la scienza veterinaria e, indirettamente, anche per la selezione della razza bovina della Val di Chiana. Così, di quel Luatti sconosciuto ai distratti storici che hanno frettolosamente decretato paternità nel XX secolo, abbiamo voluto affiancare la nostra visione di famiglia allargata pubblicando una serie di documenti originali che comprovano quanto sosteniamo.

Di seguito gli atti integrali

2) Ancora sepolto negli archivi storici sotto rischio incendi, inondazioni, terremoti, ecc. e in larga parte ancora non digitalizzato.
3) Vincenzo Luatti.
4) Anno in cui, su questa piattaforma, i suddetti ricercatori iniziano a lavorare su questa ipotesi di studio.
5) 26 dicembre 2018
6) rimaneva però la determinazione dell'ambasciatore poliziano nel mondo Menchicchi
7) Non avendo certezza sull'esistenza di tale documentazione, due anni addietro ci eravamo rivolti agli esperti i quali ci avevano fatto capire che, attraverso particolari abboccamenti con colleghi della Biblioteca Nazionale di Firenze, nel giro di qualche settimana, avremmo avuto il documento digitalizzato. Invano.
9) …che è anche alla base dell'esistenza di questa piattaforma e del nostro modo di agire, consapevoli che abbiamo appena scoperchiato la pentola.
documenti/razza-chianina/integrali/1875.txt · Ultima modifica: 13/01/2019 10:59 da cesiano