Strumenti Utente

Strumenti Sito


Barra laterale

Entrata
Benvenuti.
Chi siamo
Chi siamo?
Progetti in essere
La vita intorno la chianina
Ex-voto
Federigo Terrosi
Baricci Giulio Piero
Didattica
Mi ricordo che...
Video
Video.
Immagini
Galleria Miro
Presentazioni
Presentazione del 5.8.2016
Interviste
Interviste
Altro
Sulla privacy
Chat
Visite
Ebook


1
online

Nuova pagina

Non sei autorizzato ad aggiungere nuove pagine

Indice.

nolink


Tutti i contenuti della piattaforma sono pubblicati sotto licenza Creative commons - Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo

appunti:miro:mercati:dal_1920_al_1929:1927

1927-Milano

Fiera campionaria di Milano 12/27-Aprile-1927

FIERA DI MILANO-Bovini di razza Chianina→Archivio G. Cioli.

Il 12 aprile 1927, la Valdichiana partecipa alla Fiera campionaria di Milano. Per desiderio e per invito del Ministero dell'Economia Nazionale la razza bovina di Val di Chiana ha partecipato alla Fiera Campionaria di Milano con un gruppo di n.21 capi scelti nei principali allevamenti della Val di Chiana Senese.
Il finanziamento, l'organizzazione e la partecipazione del gruppo sono stati affidati ad uno speciale “ Comitato Zootecnico per la Val di Chiana Senese “ costituito da tutti gli allevatori concorrenti e presieduto dal Conte Prof. Comm. Fabio Bargagli Petrucci.
In un primo tempo il gruppo doveva essere formato da animali tratti da aziende dell'intera Val di Chiana aretina e senese; ma poi, venuto a mancare all'ultimo momento il concorso della provincia di Arezzo, si è dovuto procedere affrettatamente e senza la necessaria preparazione ad una nuova scelta per colmare i vuoti provocati dal ritiro di Arezzo.
La scelta dei soggetti è quindi stata lunga, laboriosa ed anche un po' affrettata, e nonostante la Val di Chiana non poteva essere rappresentata più degnamente.

In definitiva il gruppo ha avuto la seguente costituzione:

n.4 tori e torelli,
n.4 vacche,
n.4 giovenche,
n.4 sopranne,
n.4 vitelle
e n.1 bue.
E’ stato formato con il concorso delle seguenti aziende nella misura per ciascuna indicata:
Bargagli Petrucci Conte Prof. Fabio n.3 capi,
Bracci Testasecca Conte Lucangelo n.1,
Bucelli Conte Giovanni Alberto n.1,
Casagni Sig. Giuseppe n.1,
Ciuffi Sig. Italo n.7,
Contini Cav. Ferdinando n.2,
Istituto Agrario Vegni n.3,
Eredi fu Luatti Valerio n.2
e Ricci Parracciani M.se Giulio n.1.
1)

Alla Fiera di Milano il gruppo di Val di Chiana è stato oggetto di particolare ammirazione e si è imposto all'attenzione del pubblico per l'uniformità e la bellezza dei soggetti onde era costituito, per la mole superiore a quella di tutte le altre razze, per quel senso di forza e di eleganza congiunte che conferisce al bovino di Val di Chiana un aspetto di maestosità ed imponenza che non ha riscontro presso altre razze.

URSUS

Ammiratissimo, da parte del gran pubblico, il bue “Ursus” presentato dal Cav. Contini che raggiungeva, nonostante un modesto grado di ingrassamento, il peso considerevole di 14,90 quintali.

La scelta dei soggetti è stata fatta da una giuria costituita dai Sigg. Prof. Renzo Giuliani 2), Corrado Bottai e Tiberio Mencarelli ai quali ci è gradito rinnovare pubblicamente i sensi di grazie e la nostra riconoscenza; soltanto dei valorosi ed indiscussi competenti della razza potevano compiere un lavoro di scelta così scrupoloso e superiore ad ogni elogio.
Il finanziamento dell'utilissima iniziativa è stato sostenuto per L.20.000 dalla Direzione della Fiera Campionaria di Milano e per il rimanente dai seguenti Enti della Provincia di Siena che sempre alle iniziative tendenti al progresso ed al miglioramento dell'agricoltura hanno dato il loro valido appoggio morale e materiale: Amministrazione Provinciale L.2000, Monte dei Paschi L.5000, Consorzio Agrario Cooperativo L.5000, Sindacato Fascista Agricoltori L.1500, Camera di Commercio di Siena L.1000 e Cattedra Ambulante di Agricoltura L.4500. Con questa somma, che ammonta complessivamente a L.38000, il Comitato ha provveduto a tutte le spese riflettenti l'organizzazione, trasporti del bestiame e dei coloni, assicurazione, bardature e corresponsione di una indennità o diaria di L.25 giornaliere ai coloni per i giorni di permanenza a Milano compresi i viaggi di andata e ritorno.
Hanno fatto carico ai proprietari interessati le spese per foraggi e mangimi concentrati al bestiame nonché un supplemento di diaria ai coloni di circa L.6 giornaliere. 3)

Alla fiera di Milano sono stati premiati i seguenti tori:

1° Premio, medaglia Vermeill,

Toro Adone, proprietario Sig. Ciuffi Italo, Fattoria Abbadia, podere Porticciolo I, colono Menchetti Antonio. Vedi: figura 1
Toro Grillo, proprietario Conte Bucelli Giovanni Alberto, Fattoria Cervognano, agente Binchi Pasquale, podere Boschi I, colono Torelli Angelo. Vedi: figura 2

2° Premio, medaglia d’argento,

Toro Norge, proprietario Contini Ferdinando, Fattoria Abbadia, agente Zamperini Lorenzo, podere Palazzo, colono Cinali Virgilio. Vedi: figura 3

3° Premio, medaglia Vermeill,

Toro Ardito, proprietario sig. Ciuffi Italo, Fattoria Abbadia, podere Aiola, colono Mozzini Guido.

DIPLOMI

DIPLOMA 1927→Archivio Ciuffi.
DIPLOMA 1927→Archivio Ciuffi.

1_adone_b_5.jpg Fig. 1: Toro ADONE B5 Propr. Ciuffi Italo. 4)

grillo.jpg Fig. 2: Toro GRILLO - mesi 26 q.li 9,10 Propr. G. A. Bucelli. 5)

norge.jpg Fig. 3: Toro NORGE - mesi 23, q.li 8,10 Propr. Cav. F. Contini. 6)


1) Le aziende elencate, eccetto Bargagli Petrucci Conte Prof. Fabio (di Sarteano e Torrita di Siena) erano tutte nel Comune di Montepulciano.
2) E pensare che questo signore, sosteneva, nel 1932, che prima di allora non era stato fatto nulla.
3) Estratto da→Archivio Giordano Cioli.
4) Estratta da: Archivio Ciuffi.
appunti/miro/mercati/dal_1920_al_1929/1927.txt · Ultima modifica: 21/11/2018 12:06 da miro