Strumenti Utente

Strumenti Sito


Barra laterale

Entrata
Benvenuti.
Chi siamo
Chi siamo?
Progetti in essere
La vita intorno la chianina
Ex-voto
Federigo Terrosi
Baricci Giulio Piero
Didattica
Mi ricordo che...
Video
Video.
Immagini
Galleria Miro
Presentazioni
Presentazione del 5.8.2016
Interviste
Interviste
Altro
Sulla privacy
Chat
Visite
Ebook


1
online

Nuova pagina

Non sei autorizzato ad aggiungere nuove pagine

Indice.

nolink


Tutti i contenuti della piattaforma sono pubblicati sotto licenza Creative commons - Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo

appunti:miro:libro:piccoli:paolucci

15-Az. PAOLUCCI ARTURO

Paolucci Arturo, biscugino di Anastasio 1) nel 1930 si divise dalla famiglia di coloni che vivevano al Pod. S. Francesco della Fila andando ad abitare in un piccolo podere nella zona della località Salcheto. Per esattezza nel Pod. Canapille. 2)

Qui come coltivatore diretto, disponendo di 11 ettari di terreno, insieme ai figli Aldo e Ferdinando, mise in piedi una discreta stalla. Provenendo da una delle migliori famiglie di mezzadri che allevavano bestiame nella Tenuta Abbadia, certamente non gli mancava né mestiere né passione per questo lavoro.
Nella sua stalla le vacche erano quasi tutte iscritte al LIBRO GENEALOGICO. I vitelli che nascevano, quando arrivava il momento, venivano portati ai Mercati Concorso. Già nel 1943 fu premiato.

Con BAZZETTA 911 SI, partecipò al Mercato Concorso del 1948. Questa era una vitella di notevoli qualità, basta pensare che a 6 mesi pesava KG 308 cioè, il 39% in più rispetto al peso medio della razza, che in quel momento era di kg 221.
Nel 1949 ad Arezzo portò in mostra CHIANINO 1474 SI che iscritto nella I Sezione - TORELLI DAI 6 AI 12 MESI, venne classificato di II classe.

Nel 1956 a Montepulciano Stazione portò in mostra MACULO 486 SI, vitello di mesi 11 del peso vivo di kg 540. Maculo pesava il 25% in più rispetto il peso medio della razza e fu premiato con dei prodotti della ditta CARLO ERBA-Milano. 3)

Catalogo Mostra Bovina Macerata 1975

Nel 1965 dopo la morte del padre, Ferdinando continuò ad allevare il bestiame e nella Seconda Mostra Nazionale 4/5/6 Giugno 1975 di Macerata, si aggiudicò, con la manza LISINA 2980 SI, il primo premio nella categoria terza, MANZE 12-24 mesi. Vedi: Pag. Catalogo 1975 N° 188

Nel 1980 vendette SONIRO 16402 SI ai Fratelli Illuminati di Foiano della Chiana (AR)

Nel 1982 vendette UFEO 21156 SI per vita.

Nel 1982 iscrisse il torello UNIVERSO 100440 SI alla terza mostra nazionale di Bastia Umbra.
Lo vendette ai F.lli Fabbrini di Siena, i quali, nel 1983 lo iscrissero nella quarta mostra nazionale di M. P. Stazione.
L'animale in seguito funzionò nell'allevamento dei Fabbrini come riproduttore. Vedi Genealogia.
Valutazione morfologica Punti 88

SIa Sonirio e Univerzo erano figli di Oniria.

Purtroppo a Ferdinando venne a mancare la salute e nel 1982, dopo mezzo secolo che insieme alla propria famiglia aveva allevato il bestiame di razza chianina, chiuse la stalla.

SOGGETTI MASCHI ISCRITTI NEI MERCATI-CONCORSO.

Soggetti, appartenenti all'azienda, iscritti nei vari Mercati-Concorso e classifica. 4)
SoggettiAziendaMercati-ConcorsoClassifica
N°8Paolucci ArturoN°2334° posto generale
Soggetti maschi, appartenenti all'azienda, classificati nei vari Mercati-Concorso.
Anno19461946194719471948194919491950195119521954195819611964196519681969Tot.
M.P.ARM.P.ARM.P.M.P.ARM.P.ARM.P.M.P.M.P.ARM.P.ARARM.P.-
- 1 1 1 3

1) Anastasio Paolucci, bravo allevatore presente con tutti gli animali della sua stalla nel 1° Concorso Metodico di Fontago 1922
2) Nome derivante da canapa, perché in passato, in questa zona, veniva coltivata e lavorata nel podere.
4) Dal 1946 al 1974, riscontrati in 23 cataloghi
appunti/miro/libro/piccoli/paolucci.txt · Ultima modifica: 16/03/2020 13:57 da miro