Strumenti Utente

Strumenti Sito


Barra laterale

Entrata
Benvenuti.
Chi siamo
Chi siamo?
Progetti in essere
La vita intorno la chianina
Ex-voto
Federigo Terrosi
Baricci Giulio Piero
Didattica
Mi ricordo che...
Video
Video.
Immagini
Galleria Miro
Presentazioni
Presentazione del 5.8.2016
Interviste
Interviste
Altro
Sulla privacy
Chat
Visite
Ebook


1
online

Nuova pagina

Non sei autorizzato ad aggiungere nuove pagine

Indice.

nolink


Tutti i contenuti della piattaforma sono pubblicati sotto licenza Creative commons - Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo

appunti:miro:libro:medi:capezzine

15-Az. LE CAPEZZINE

Prop. Ist. Agr. VEGNI

Fatt. Le Capezzine - Scatto 12-10-2015
Fatt. Le Capezzine - Scatto 12-10-2015
Fatt. Le Capezzine - Scatto 12-10-2015

LE CAPEZZINE

L'Azienda delle Capezzine ha una lunga storia: proprietà di A. Vegni, fu ceduta ad una cooperativa di agricoltori e successivamente, scioltasi la società, è stata venduta a privati, pur se una parte di essa è rimasta proprietà dell'Istituto agrario, intitolato al Vegni, che la usa per scopi didattici ma anche come fonte di reddito. L'Azienda in origine era composta da 42-43 poderi distribuiti in circa 1000 ettari di terreno, di cui il 75% era coltivabile e il 25% boschivo. Dei 750 ettari coltivabili una piccola parte, pianeggiante, si estendeva lungo il Canale Maestro della Chiana, l'altra parte, collinare, si estendeva da Valiano all'Istituto. Nonostante il terreno coltivabile fosse pari a quello della Fattoria dell'Abbadia, alle CAPEZZINE il numero dei capi di bestiame era molto inferiore. I tori prima del 1908 venivano allevati nel podere Pagliaretto dal colono Giuseppe Scaccini 1), presente dal 1908 al 1963, mentre i torai a mezzadria furono inizialmente Emilio Avanzati 2) e dopo Virgilio Avanzati 3) che risiedevano nel Podere Casella, nei pressi di Valiano di Montepulciano. La famiglia Avanzati, di origine svizzera, in passato non aveva questo cognome, ma quello di Avanzi. Essa in Val di Chiana si insediò a Sciarti nel podere Casa dell'ortolano, quando il capo famiglia era Francesco detto “Gambe nere”. Questa famiglia dimorò in diversi poderi, in quanto da Sciarti si trasferì al Ponte allo strozzo, poi nel 1866 nel podere Bandita e da questo, infine, nel 1908 al podere Casella, appartenente sempre alla fattoria delle CAPEZZINE, dove avrebbe svolto l'attività di contadini e quella di torai fino al 1963. Nel 1964 questo podere fu acquistato dai fratelli Giorgio ed Emilio Avanzati che ancora vi risiedono. Il Podere Casella era anche una Pubblica Stazione di Monta Taurina e tra gli altri vi funzionarono i tori VAGO, LAMPINO, CALDESE, PAGLIACCIO, LOTARIO 617 AR, NAUTILO 21 AR, PIRRO 945 SI, RONCHINO 412 SI, VERDIGNO 215 SI, ANDO 392 SI, FRUGOLO 794 SI e PINO 5691 SI che nel 1963 alla chiusura della monta fu venduto alla Fattora La Braccesca. LOTARIO fu un animale longevo, alla bellezza di 11 anni ancora faceva qualche salto.
Nella primavera del 1948 la Fattoria delle Capezzine aveva bisogno di acquistare un nuovo toro; su consiglio dei due esperti controllori dell'ufficio di zootecnia di Siena, Morelli e Gatti furono esaminati, per la scelta finale, tre soggetti della Fattoria di Abbadia: Antenore, Ando e Agresto. Fu scelto Ando, un animale di 18 mesi che se fosse stato venduto per carne il suo valore poteva raggiungere al massimo 150000 Lire. Siccome era un figlio di Sanitario, quando l'Avanzati chiese al fattore Alberto Santini il prezzo la risposta gli fu data con queste testuali parole: “Per comperare questo animale è come andare a prendere il sale all'Appalto, non una lira meno di cinquecentomila”. Se avessero preso un altro vitello non figlio di Sanitario, al massimo potevano spendere Lire 300000.
Accollarsi questa spesa nella famiglia, pensando che a questo animale potesse capitare qualche incidente, destò delle preoccupazioni.
Tali preoccupazioni vennero alleviate da una forma di assicurazione solidale chiamata COMUNELLA.4)
Fortunatamente a l'animale non capitarono incidenti e essendo un figlio di Sanitario, la famiglia Avanzati, che gestiva la monta pubblica taurina, con la presenza di questo caponucleo, registrò un aumento sostanziale del numero delle monte e di conseguenza un aumento del proprio reddito.

Considerando che questa tenuta aveva molti ettari di terreno, nel lontano 1924 con i soggetti BANINO 5) e LAMPINO 6) ricevette dei premi, nel 1941 furono premiati con Lire 500 a testa i tori PIRRO 945 SI e LOTARIO 617 SI; le sue consistenze di bestiame erano di un numero poco considerevole.
In effetti, anche la quantità di denaro che venne assegnata a l'azienda per il buon allevamento dei vitelli nati nell'anno 1940 7), risultò inferiore a altre aziende anche più piccole.

In questa azienda il nucleo di selezione fu istituito nel 1938.

Leggendo i dati relativi ai nuclei di selezione degli anni 1938, 1940, 1941 e 1942, si ricava che questo nucleo si trova all'ultimo posto, per il numero delle vacche iscritte.

Vi funzionava una stazione pubblica di monta taurina.

La stalla dei tori, inizialmente era nel nel Pod. Pagliaretto , gli animali, venivano allevati, dal toraio: Giuseppe Scaccini, dal 1908 al 1963, passarono nel Pod. Casella, dove vennero allevati dal toraio Avanzati.

I migliori soggetti di questa azienda furono:

SOGGETTI MASCHI ISCRITTI NEI MERCATI-CONCORSO.

Soggetti, appartenenti all'azienda, iscritti nei vari Mercati-Concorso e classifica. 8)
SoggettiAziendaMercati-ConcorsoClassifica
N°26Ist. Agr. VegniN°145° posto generale
Soggetti, appartenenti all'azienda, iscritti nei vari Mercati-Concorso e classifica. 9)
SoggettiAziendaMercati-ConcorsoClassifica
N°7Az. Le CapezzineN°5x° posto generale
Soggetti, appartenenti all'azienda, iscritti nei vari Mercati-Concorso e classifica. 10)
SoggettiAziendaMercati-ConcorsoClassifica
N°10Az. Le CapezzineN°2332° posto generale

Totale iscritti 43

Soggetti maschi, appartenenti all'azienda, classificati nei vari Mercati-Concorso.
Anno---19221923192419261929193019311939193919401940194119421943
----M. P.M. P.M. P.M. P.M. P.M. P.M. P.M. P.ARM. P.ARM. P.M. P.M. P.
- - - - - 1 2 4 3 2 3 2 1 3 1 2 1 1 26
Anno19461946194719471948194919491950195119521954195819611964196519681969
M.P.ARM.P.ARM.P.M.P.ARM.P.ARM.P.M.P.M.P.ARM.P.ARARM.P.
- 1 4 2 3 2 1 2 15
Totale 41

Desiderio

1)
Bartolino, Toro con tre mosse, - I premio, categoria “Adulti” - Proprietario: Istituto agrario Vegni, Barullo (Arezzo).
2) Questo uomo, (N. 1881 M.1935), era il nonno di Giorgio e pur essendo il fratello minore di Virgilio, in quel periodo era il toraio.
4) Accordo solidale fra coloni, sorta di assicurazione sugli incidenti e le perdite in proporzione alla consistenza della stalla. L'uomo di fattoria era il garante delle consistenze.
8) Dal 1922 al 1943
9) 1946 M. P. Stazione, 1947 M. P. Stazione, 1950 M. P. Stazione, 1952 M. P. Stazione, 1958 M. P. Stazione
10) Dal 1946 al 1974, riscontrati in 23 cataloghi
11) Alcune cose scritte nell'etichetta non sono attendibili; non si può parlare di nuclei se questi ancora non esistevano. Il nucleo di selezione, nell'Az. Le Capezzine, fu istituito nel 1938.
appunti/miro/libro/medi/capezzine.txt · Ultima modifica: 05/12/2018 17:01 da miro