Strumenti Utente

Strumenti Sito


Barra laterale

Entrata
Benvenuti.
Chi siamo
Chi siamo?
Progetti in essere
La vita intorno la chianina
Ex-voto
Federigo Terrosi
Baricci Giulio Piero
Didattica
Mi ricordo che...
Video
Video.
Immagini
Galleria Miro
Presentazioni
Presentazione del 5.8.2016
Interviste
Interviste
Altro
Sulla privacy
Chat
Visite
Ebook


1
online

Nuova pagina

Non sei autorizzato ad aggiungere nuove pagine

Indice.

nolink


Tutti i contenuti della piattaforma sono pubblicati sotto licenza Creative commons - Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo

appunti:giordano:mercati:1949-1

X-1949-1 M. P. Stazione (trascrizione)


Estratto da1)

(Da Agricoltura Toscana n°5 Maggio 1949)

Il 28 e 29 maggio 1949 si svolge il 25° Mercato concorso di tori e torelli di razza chianina dei nuclei di selezione a Montepulciano Stazione.
La manifestazione si è svolta con una eccezionale affluenza di iscritti. Erano infatti presenti N.163 tori e torelli su 176 iscritti e N.42 vitelle e giovenche su 47 iscritte. A parte il numero però, ciò che impressionava quest'anno, era la qualità e la buona preparazione degli animali esposti e di ciò va data viva lode agli allevatori nonché ai tecnici che costantemente li assistono e li sollecitano nell’opera di progresso dell' allevamento.
Il centro dell'attenzione degli allevatori e dei visitatori era rappresentato dalla assegnazione della coppa Kennedy destinata al toro col migliore gruppo di figli presenti alla mostra e che si disputava per il quarto anno.
Per avere un criterio uniforme di valutazione, gli animali formanti i gruppi partecipanti alla coppa vennero giudicati da un'unica Commissione che fu messa veramente a dura prova, sia per il numero dei soggetti da giudicare, sia per le ottime caratteristiche di tutti e tre i gruppi presentati e per la difficoltà quindi di stabilire una graduatoria.
Funzionavano inoltre altre sei giurie per le diverse sezioni. Il lavoro di apprezzamento ebbe inizio alle ore 16 di venerdì 27 e terminò soltanto la sera di sabato 28.
Come si è detto la media del materiale presentato era di livello sensibilmente superiore a quella dei precedenti mercati sia nei riguardi delle caratteristiche di peso, sia nei riguardi della conformazione e della preparazione.
Degli 86 torelli nati nel 1948 soltanto 11 stavano tra la media ed il 10% in più della media, mentre i rimanenti erano tutti al di sopra del 10% raggiungendo per qualche soggetto fino al 50% in più della media, Ottimi anche i gruppi di vitelle e giovenche : particolarmente pregevoli le figlie di Tancredi e Sanitario, molto buone anche quelle di Tapi della Società Anonima S. Polo.
Le giurie delle femmine sono state particolarmente severe nel giudizio, seguendo il giusto criterio di mettere bene in evidenza i punti deboli che debbono formare oggetto di particolare attenzione da parte degli allevatori e tecnici.
La coppa del Ministero dell'Agricoltura è stata assegnata per il secondo anno e quindi definitivamente, al gruppo di femmine del toro Tancredi dell'Azienda La Fratta di proprietà Galeotti Ottieri della Ciaia.

Coppa Kennedy

Quanto alla 4° coppa Kennedy, essa venne assegnata per il secondo anno al gruppo del toro Sanitario dell’Azienda Ciuffi dell'Abbadia di Montepulciano; gruppo particolarmente uniforme, ben preparato, con ottime caratteristiche di sviluppo, armonia di forme e robustezza di arti.
Seguiva da vicino il gruppo del toro Tagu, meno uniforme come età dei soggetti presentati, meno ben preparato, ma con ottime qualità intrinseche, caratteristiche di razza, sviluppo, armonia di forme, buoni appiombi e buon piede.
Molto buono anche il gruppo del toro Zoco dell' Azienda Piaccio Prefumo di Bettolle, il quale però si presentava con molti soggetti giovani, per i quali il giudizio delle giurie ha sempre carattere prudenziale: è possibile che al prossimo Mercato Concorso questo toro, per sé con ottime caratteristiche, possa essere presentato con un gruppo di figli che daranno del filo da torcere anche a tori già molto quotati.
Nel complesso si può essere soddisfatti del materiale presentato; è però necessario controllare attentamente alcuni difetti che ancora esistono in misura più o meno larga, difetti che è necessario gradualmente eliminare, sopratutto quando interessano gli arti.
Il campanello d'allarme lo ha suonato questa volta il Prof. Giuliani, Presidente delle giurie, nel suo rapporto finale agli allevatori, prima della proclamazione dei premiati e della consegna dei premi.
Dopo aver constatato con gran soddisfazione i progressi raggiunti nei riguardi del peso, della precocità e di gran parte delle caratteristiche morfologiche, il Presidente delle giurie ha invitato gli allevatori a porre molta attenzione alla presenza, in alcuni soggetti del piede piccolo posteriore e di qualche difetto di appiombo: difetti che, il Prof. Giuliani suggerisce, possono venire corretti con una adeguata ginnastica funzionale. Occorre perciò riprendere l'abitudine del moto delle vitelle e l'uso del paddok per conservare alla razza chianina le caratteristiche del bovino da lavoro, oltre che da carne.
Tra i concorsi speciali, va segnalato quello, molto indovinato, per il tenutario del miglior toro delle stazioni di monta pubblica del Comune di Montepulciano.

Grande medaglia

La grande medaglia offerta dal Municipio di Montepulciano è stata assegnata al colono Catoni P. tenutario del toro Urro dell'Azienda Eredi Luatti, che ha ottenuto il più alto punteggio dei tori adulti nella mostra.

Le medaglie per le femmine furono così assegnate:

Nella prima sezione,

Vitella Cima 1369 SI, proprietario Lazzerini Dino, colono conto diretto.
Vitella Cullata 1354 SI, proprietario Società Anonima San Polo, colono Barbeschi G.

Nella seconda sezione,

Vitella Caparbia 1162 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Botarelli G.
Vitella Ciprigna 1149 SI, proprietario Galeotti Ottieri, colono Bianconi D.

Nella terza sezione,

Vitella Benigna 556 Si, proprietario Campani Aroldo, colono Fiorini F.
Vitella Beccaccina 538 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Feci A.

La classifica dei soggetti nelle varie sezioni risulta come segue,

Nella sezione prima, torelli dai 6 ai 12 mesi

Premi di seconda classe:

Toro Cafio 1492 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Falciani P.
Toro Capitano 1400 SI, proprietario Galeotti Ottieri, colono Paolucci E.
Toro Carlo 1391 SI, proprietario Palmerini Vittorio, conto diretto.
Toro Cireno 1370 SI, proprietario Grilli Giacinto, colono Caporali A.
Toro Caporale 1389 SI, proprietario Galeotti Ottieri, conto diretto.
Toro Cirillo 1352 SI, proprietario Passerini Napoleone, colono Rampi B.
Toro Casello 1410 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Nannotti F.
Toro Corsaro 1347 SI, proprietario Puccio Prefumo, colono Terrosi S.
Toro Cornato 1341 SI, proprietario Società S. Polo, colono Mencarelli F.
Toro Creso 1328 SI, proprietario Roghi Ettore, colono Frullini E.
Toro Cambio 251 AR, proprietario Di Frassineto A., colono Corsi G.
Toro Cherso 1324 SI, proprietario S.A.M.I.G.E, colono Della Giovampaola P.
Toro Cugino 1304 SI, proprietario Liberati Carlo, conto diretto.
Toro Camuso 254 AR, proprietario Citterio di Frassineto, conto diretto.
Toro Cino 191 AR, proprietario Passerini Napoleone, colono Cammilloni G.
Toro Coletto 1300 SI, proprietario F.lli Pizzichini, colono Biagiotti L.
Toro Cuneo 241 AR, proprietario Società Bonifiche Ferraresi, colono Menchi E.
Toro Cagno 1409 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Falciani P.
Toro Criso 1288 SI, proprietario Eredi De Palma, colono Petroni G.
Toro Canone 1286 SI, proprietario Puccio Prefumo, colono Cortonicchi P.
Toro Carletto 1285 SI, proprietario Galeotti Ottieri, colono Rencinai V.
Toro Celino 250 AR, proprietario Di Frassineto A., colono Fei L.
Toro Cignale 1276 SI, proprietario Galeotti Ottieri, conto diretto.
Toro Ciglio 1265 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Bracciali E.
Toro Ceco 1259 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Nannotti F.
Toro Cieio 1254 SI, proprietario Petrazzini Guido, colono Terrosi G.
Toro Colle 1251 SI, proprietario Fanciulli Riccardo, conto diretto.
Toro Cedo 192 AR, proprietario Di Frassineto A., colono Casucci S.
Toro Cinzano 1204 SI, proprietario Società Conduzioni Agrarie, colono Petroni F.
Toro Cervio 145 SI, proprietario Società Bonifiche Ferraresi, conto diretto.
Toro Caglio 1273 SI, proprietario Galeotti Ottieri, conto diretto.

Premi di terza classe:

Toro Cervino 1475 SI, proprietario S.A.M.I.G.E., colono Rossi F.
Toro Consilio 1457 SI, proprietario Passerini Napoleone, colono Forzoni F.
Toro Colo 1472 SI, proprietario Società S. Polo, colono Masini A.
Toro Ceppo 1482 SI, proprietario Puccio Prefumo, colono Cassioli U.
Toro Cicerone 1467 SI, proprietario Petrazzini Guido, colono Goracci A.

Nella sezione seconda, torelli dai 12 ai 18 mesi

Premi di seconda classe:

Toro Casaro 1228 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Serafini E.
Toro Calabro 1205 SI, proprietario Grilli Giacinto, colono Falciani A.
Toro Celere 1210 SI, proprietario Galeotti Ottieri, colono Vannucci T.
Toro Capo 1226 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Marianelli P.
Toro Casale 1195 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Rossi A.

Premi di terza classe:

Toro Callo 1227 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Mazzetti G.
Toro Costanzo 1209 SI, proprietario Puccio Prefumo, colono Fierli A.
Toro Crivo 180 AR, proprietario, colono Franceschini U.
Toro Campo 1198 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Petti G.
Toro Creto 130AR, proprietario Di Frassineto Massimo, colono Bardelli P.

Nella sezione terza, torelli dai 18 ai 28 mesi

Premi di prima classe:

Toro Breno 378 AR, proprietario Società Bonifiche Ferraresi, conto diretto.
Toro Babele 834 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Nizzi G.
Toro Bazzotto 564 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Menchetti A.

Premi di terza (seconda) classe:

Toro Bilfo 410 AR, proprietario Società Bonifiche Ferraresi, conto diretto.
Toro Balocco 840 SI, proprietario Ciuffi Italo, conto diretto.
Toro Beone 263 AR, proprietario Società Conduzioni Agrarie, colono Della Giovampaola V.
Toro Bino 677 SI, proprietario Società Conduzioni Agrarie, colono Della Giovampaola V.

Premi di terza classe:

Toro Brigolo 938 SI, proprietario Piloti Raffaele, colono Nannotti F.
Toro Budino 901 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Bernardi Q.
Toro Bizio 862 SI, proprietario Fratelli Baiocchi, colono Meniconi B.
Toro Bronzo 877 SI, proprietario Galeotti Ottieri, conto diretto.
Toro Brillo 294 AR, proprietario Di Frassineto Massimo, colono Scapecchi L.
Toro Brodo 187AR, proprietario Società San Polo, colono Meniconi E.
Toro Bartolo 727 SI, proprietario Puccio Profumo, colono Palmerini.

Nella quarta sezione, tori oltre i 28 mesi

Premi di prima classe:

Toro Ando 379 SI, proprietario Istituto Agrario Vegni, colono Avanzati V.
Toro Zemo 207AR, proprietario Canevaro Ghelli, colono Bonechi G.
Toro Zoco 109 AR, proprietario Puccio Prefumo, colono Palmerini A.
Toro Vaglio 407 AR, proprietario Galeotti Ottieri, conto diretto.
Toro Urro 812 SI, proprietario Eredi Luatti, colono Catoni P.
Toro Tagu 2009 AR, proprietario Società Bonifiche Ferraresi, conto diretto.
Toro Sanitario 770 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Menchetti A.

Premi di seconda classe:

Toro Antenore 426 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Menchetti A.
Toro Amorino 433 SI, proprietario Società Anonima San Polo, colono Meniconi E.
Toro Astore 318 AR, proprietario Eredi Boutorline, colono Ceccherini L.
Toro Araldo 327 SI, proprietario Società Conduzioni Agrarie, colono Della Giovampaola V.
Toro Antignano 235 SI, proprietario S.A.M.I.N.G, colono Martini P.
Toro Arno 100 SI, proprietario Ciuffi Italo, colono Menchetti A.
Toro Abbo 39 AR, proprietario Mancini Calamai, colono Calzineri G.

Premi di terza classe:

Toro Aspro 361 AR, proprietario Società Le Chianacce, colono Bondi A. 2)

I tori venduti assommano a 36. Veramente eccezionale l'affluenza del pubblico: allevatori e tecnici erano giunti da tutta la Toscana, dall' Umbria, dal Lazio, dall'Emilia, dalle Marche.
Erano presenti, oltre all'Ispettore Compartimentale Agrario per la Toscana ed agli Ispettori Provinciali Toscani, gli Ispettori di Perugia, Viterbo, Ferrara, Bologna, il Prof. Gugnoni dell’Università di Perugia, il Prof. Magliano dell'Università di Pisa, il Prof. De Simone del Ministero dell'Agricoltura che, col Dr. Valente ed il Dr. Susini, rappresentavano la Commissione Zootecnica Nazionale, il Dr. Tornar dell'Associazione Italiana Allevatori, il Prof. Dondi dell'Opera Nazionale Combattenti e molti altri.
Alla premiazione, oltre a numerose autorità politiche della zona, è intervenuto, in rappresentanza del Ministero dell'Agricoltura e delle Foreste, il Capo di Gabinetto Dr. Costantino, inoltre il Prefetto e il Questore di Siena e il Comandante dei Carabinieri.
Alla cerimonia è seguita a Chianciano una signorile colazione cui hanno partecipato autorità, tecnici e allevatori.

appunti/giordano/mercati/1949-1.txt · Ultima modifica: 19/06/2017 16:44 da miro