Strumenti Utente

Strumenti Sito


Barra laterale

Entrata
Benvenuti.
Chi siamo
Chi siamo?
Progetti in essere
La vita intorno la chianina
Ex-voto
Federigo Terrosi
Baricci Giulio Piero
Didattica
Mi ricordo che...
Video
Video.
Immagini
Galleria Miro
Presentazioni
Presentazione del 5.8.2016
Interviste
Interviste
Altro
Sulla privacy
Chat
Visite
Ebook


1
online

Nuova pagina

Non sei autorizzato ad aggiungere nuove pagine

Indice.

nolink


Tutti i contenuti della piattaforma sono pubblicati sotto licenza Creative commons - Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo

appunti:giordano:mercati:1948

X-1948-Arezzo (trascrizione)

Estratto da1)

(Da Agricoltura Toscana n°11 Novembre 1948)

Il 10, 11 e 12 settembre 1948 si svolge, presso il Foro Boario di Arezzo, la 24° Mercato Concorso di tori e torelli selezionati di razza chianina provenienti dai nuclei di selezione delle province di Arezzo e Siena.
Con la partecipazione di 70 tori e torelli e 75 femmine ha avuto luogo il 24° Mercato concorso di Arezzo.
Il criterio di far partecipare anche le femmine fu introdotto l'anno decorso ed il numero e la qualità dei soggetti presentati quest'anno dimostrano la bontà dell'iniziativa.
Il consuntivo del concorso risulta dai seguenti dati:
Maschi: n.98 soggetti iscritti: 77 presentati e di questi 5 di 1° classe, 26 di 2°, 39 di 3° e 7 non classificati.
Femmine: n.101 iscritte, 77 presenti e di queste 2 di 1° classe, 36 di 2° classe, 37 di 3° e 2 non classificate.
Le defezioni registrate debbono imputarsi alla difficoltà di presentare soggetti vaccinati contro l'afta, secondo le disposizioni della Prefettura di Arezzo.
E' da notare il modesto numero di soggetti di 1° classe nei maschi, soprattutto se si considera che i 5 maschi, così classificati, sono tutti tori adulti: effettivamente il complesso dei soggetti, pur presentando ottime caratteristiche di razza e generali, lasciava a desiderare per lo stato di nutrizione ed un torello mal nutrito, non può certo arrivare alla 1° classe.
E' da augurarsi che questo serva di norma agli allevatori perché nei futuri mercati presentino soggetti meglio proparati.
Ciò naturalmente vale come impressione d'insieme perché non mancavano animali in buona forma.
Ricordiamo inoltre la necessità che gli animali siano alla mano perché si possano presentare nelle migliori condizioni davanti alle giurie e, quindi, almeno un mese prima della mostra, occorre farli muovere tutti i giorni qualche ora aggiustando loro le unghie per tempo, giacché spesso i giudici non riescono ad osservare gli animali nelle condizioni più adatte e intravedono difetti anche dove talvolta non ci sono.
Molto buono il complesso delle femmine, in netto progresso rispetto al passato mercato concorso.
Quanto mai opportuna è risultata l'iniziativa della Associazione provinciale torai di Arezzo, di offrire una targa e premi per i migliori tori delle stazioni di monta pubblica. Il gruppo dei tori partecipanti, infatti, sebbene non molto numeroso era però scelto ed alcuni soggetti veramente ottimi.
Il lavoro delle giurie presiedute dall' Ispettore Agrario Compartimentale Prof. Passerini, si è svolto con la consueta regolarità.

Diamo l'elenco dei premi assegnati nei diversi concorsi:

Coppa Ministero Agricoltura

Coppa Ministero Agricoltura, per il toro con migliore discendenza maschile (challenge): assegnata definitivamente alla Società Anonima Bonifiche Terreni Ferraresi, S. Caterina, per il toro “Tagu 2009 AR”.

Concorso per il miglior gruppo di femmine figlie dello stesso toro:

1° premio, targa, gruppo di “Ubbo” del Sig. Budini Gattai Enrico.
2° premio, gruppo di “Sudo” Società Anonima Bonifiche Ferraresi S. Caterina.
3° premio, gruppo di “Teddo” del Sig. Budini Gattai Enrico.

Concorso per il miglior toro delle stazioni di monta pubblica:

1° premio, “Alias 239 AR” del Conte Massimo di Frassineto e toraio Vanni Lorenzo.
2° premio, “Aglio” del Conte Alfredo di Frassineto e toraio Casucci Severino.
3° premio, “Zinello” del Sig. Pierozzi Guido.
Premi alle vitelle, nella sezione prima,
1° premio, medaglia vermeil “Cedra 85” del Conte Massimo di Frassineto e colono Conti Domenico.
2° premio, medaglia d'argento, “Banca 434” di Budini Gattai E. e colono Tanganelli.
3° premio, medaglia di bronzo, “Banna 310” di Massimo di Frassineto e colono Mattioli A.
Nella sezione seconda,
1° premio, medaglia vermeil “Bora 156”di A. di Frassineto e colono Polvani G.
2° premio, medaglia d'argento “Berla 296” di Massimo di Frassineto e colono Vanni G.
3° premio, medaglia di bronzo “Berta 137” di Massimo di Frassineto e colono Raspanti G.
Nella sezione terza,
1° premio, medaglia vermeil “Bella 85” di Società Bonifiche Terriere Ferraresi e colono Picciofochi A.
2° premio, medaglia d'argento “Ambra 376” di A. di Frassineto e colono Pallini G.
3° premio, medaglia di bronzo “Avola 117” di Società Bonifiche Terriere Ferraresi e colono Pucci A.

Il mercato ha dato luogo ad un discreto numero di contrattazioni con prezzi per soggetti intorno all'anno, dalle 300 alle 400 mila lire a capo.
Numerosi sono stati i visitatori oltre i consueti, tra cui il Prof. Tortorelli direttore dell'Ovile Nazionale di Foggia, il Prof. Coletti dell'Ispettorato di Chieti, il Dr. Volpini, noto allevatore di Recanati.
Alla premiazione ha parlato il Prof. Passerini, chiarendo i criteri che sono sempre stati seguiti nelle manifestazioni zootecniche della Toscana dall’inizio del lavoro di selezione e che, del resto, sono ben noti agli allevatori che partecipano a questo lavoro.

1) Archivio Giordano Cioli
appunti/giordano/mercati/1948.txt · Ultima modifica: 19/06/2017 11:58 da miro