Strumenti Utente

Strumenti Sito


Barra laterale

Entrata
Benvenuti.
Chi siamo
Chi siamo?
Progetti in essere
La vita intorno la chianina
Ex-voto
Federigo Terrosi
Baricci Giulio Piero
Didattica
Mi ricordo che...
Video
Video.
Immagini
Galleria Miro
Presentazioni
Presentazione del 5.8.2016
Interviste
Interviste
Altro
Sulla privacy
Chat
Visite
Ebook


2
online

Nuova pagina

Non sei autorizzato ad aggiungere nuove pagine

Indice.

nolink


Tutti i contenuti della piattaforma sono pubblicati sotto licenza Creative commons - Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo

appunti:giordano:mercati:1946-1

X-1946-1 M. P. Stazione (trascrizione)

Estratto da1)

(Da Agricoltura Toscana n°8 Agosto 1946)

Il 19° mercato concorso tori e torelli di razza Chianina, si è svolta a Montepulciano scalo nei giorni 8 e 9 giugno, l'annunciato mercato di tori e torelli prodotti nei nuclei di selezione delle provincie di Siena ed Arezzo ha avuto un ottimo successo.
Il giudizio delle giurie, formulato secondo i rigidi criteri adottati come base nel lavoro di selezione genotipica morfo funzionale, ha dato i seguenti risultati: soggetti classificati di 1° classe n.4; di 2° n.22, di 3° n.37.
Per la prima volta è stata assegnata la coppa Kennedy al miglior toro adulto presente. Tale coppa fu promessa fin dall’anno scorso dal Col. Douglas Kennedy, Capo dell'Ufficio Regionale agrario per la Toscana della Commissione Alleata.
Egli, che seguì fin dai primi giorni della liberazione il difficile lavoro di ripresa delle attività agricole in Toscana presenziando, fra l'altro, il Mercato di Montepulciano, entusiasmato dalle peculiari caratteristiche della razza Chianina e del lavoro coraggioso degli allevatori guidati con rigore e metodo dagli Ispettorati dell’Agricoltura, volle lasciare un tangibile e duraturo segno del suo personale apprezzamento di allevatore inglese.
Prima di procedere alla aggiudicazione dei premi hanno parlato il Prefetto di Siena, il prof. Giuliani presidente delle giurie e l'ing. Banfi per gli agricoltori.
Numeroso il concorso di allevatori e di tecnici anche dalle provincie di Roma, Viterbo, Ancona, Perugia, Firenze, Pisa, Livorno e Grosseto.

Il XXIX Mercato-Concorso di tori e torelli selezionati

di razza chianina di Montepulciano

Tra le manifestazioni agricole, quelle che presentano maggiore attrattiva, non solo per il loro contenuto economico, ma anche per il loro carattere di movimento, di colore e di festività sono certamente quelle zootecniche.

Questo carattere particolare aveva determinato, in passato, un pullulare, un po' ovunque, di mostre piccole e grandi di tutte le specie, dove però generalmente i soggetti venivano giudicati e premiati mediante valutazioni sommarie ma, quel che è peggio, sulla base di un unico elemento: la esteriore conformazione, con il che, evidentemente, ben poco vantaggio pratico ne risultava ai fini del miglioramento zootecnico.

Fu solo con l'iniziarsi del lavoro di selezione in Toscana, ad opera dell'Ispettorato Compartimentale e degli Ispettorati provinciali dell'agricoltura nel 1933, che si pensò di razionalizzare anche le manifestazioni zootecniche, riducendole a tre tipi : le rassegne annuali dei nuclei di selezione, i mercati concorso tori e torelli provenienti dai nuclei, i mercato concorso dei bovini grassi. Sostanziale innovazione fu il criterio di valutazione dei soggetti sotto il triplice aspetto morfologico, funzionale e genealogico. I sistematici controlli delle attitudini economiche e lo studio delle discendenze ponevano infatti a disposizione dei giudici una massa di dati atti a delineare il valore dei soggetti, non solo in base ai loro pregi individuali, ma anche per le attitudini a trasmettere i loro pregi.

Con ciò si veniva a conferire alle dette manifestazioni un serio contenuto tecnico ed economico ed un rilevante valore educativo.

Per le razze da carne e da lavoro la pratica applicazione dei citati criteri fu realizzato mediante la fissazione di tre classi di merito e dei valori minimi (sia per la morfologia, sia per gli incrementi di peso, sia per la genealogia) che occorreva simultaneamente raggiungere perché un soggetto fosse incluso nell'una o nell'altra classe o ne risultasse da tutte escluso.

Più precisamente può essere ammesso alla 1° classe il soggetto figlio di padre che abbia almeno 30 prodotti controllati di oltre un anno di età e che rispondano a determinati requisiti, che raggiunga il 10% in più del peso medio della razza e almeno 85 punti; alla 2° classe il soggetto con almeno 80 punti e del peso non inferiore a quello medio della razza: alla 3° classe il soggetto con almeno 75 punti e di peso non inferiore al 10% in meno del peso medio della razza.

Il metodo esposto ha incontrato all'inizio qualche resistenza, specie da parte dei giudici, ma poi ha finito per imporsi. Fra le manifestazioni annuali più importanti del Compartimento è il Mercato-Concorso tori e torelli selezionati di razza chianina di Montepulciano, che quest' anno si è svolto nei giorni 8 e 9 giugno.

I soggetti presentati furono in totale n.71 su 87 iscritti, così divisi: 1° Sezione n.43, 2° Sezione n.15, 3° Sezione n.4, 4° Sezione n.9: totale 71, di cui ne vennero premiati 63. La qualità del materiale era molto buona e buone anche le condizioni di nutrizione, nonostante la scarsità di foraggi dell'annata decorsa.\\Si sono particolarmente imposti all'attenzione degli intenditori, i discendenti di Lutero (linea di Trento) dell'allevamento di S. Caterina, caratterizzati da eccellente sviluppo e precocità, ottime caratteristiche di razza e grande distinzione; di Pupazzo (linea di Banino XXX) dell' allevamento di Bettolle tra cui il toro Sanitario attualmente capo nucleo dell'allevamento dell'Abbadia di Montepulciano, linea caratterizzata da buona robustezza di arti e notevoli incrementi in peso, aggiunti a buone caratteristiche di conformazione.

Coppa Kennedy

Un particolare interessante della mostra, che ha costituito una novità, rispetto agli altri anni, è stata l'assegnazione di una coppa “challenge” donata dal Col. Douglas Kennedy già Capo dell' Ufficio agrario dell' A.M.G. della regione Toscana, nonché appassionato allevatore in Inghilterra. La coppa, destinata a premiare il toro avente le caratteristiche più spiccate di “miglioratore” risultanti dai prodotti presenti al Concorso, è stata quest'anno aggiudicata al toro “Supo” figlio di Lutero 1351 (linea di Trento) presentato dalla Società Conduzioni Fondiaria, del peso di qli.13,50 e col 14% in più della media ai 24 mesi, la cui discendenza il era rappresentata da 5 figli molto uniformi, con buona conformazione, molta distinzione e caratteri di razza.

Numerose furono le contrattazioni, con prezzi molto variabili in relazione alla qualità dei soggetti. Torelli intorno all’anno furono pagati dalle 130 alle 190.000 lire. La destinazione dei soggetti acquistati dalle provincie di Pisa, Livorno, Viterbo, Firenze, Perugia, Grosseto dimostra che l'interesse per la razza Chianina è largamente esteso e che gli allevatori anche di altre regioni riconoscono che i prodotti di selezione danno la migliore garanzia come riproduttori.

Il Mercato Concorso è stato visitato da numerose personalità del campo tecnico tra cui, oltre a quelle della Toscana, il prof. Gugnoni della Facoltà agraria di Perugia, il prof. Ruzzini, Ispettore Compartimentale agrario delle Marche, il prof. Squadroni, Ispettore Agrario di Perugia.

Il prof. Giuliani, presidente della Giuria, all'atto della premiazione, ricordò agli intervenuti che si compiva circa un ventennio da quando egli iniziò il lavoro di selezione della razza Chianina che ha dato risultati tanto evidenti grazie alla rigorosa applicazione dei principi della genetica; il prefetto di Siena rivolse agli allevatori ed ai tecnici l'elogio da parte del Governo per il lavoro svolto, così ricco di buoni frutti; per gli allevatori ringraziò il premiato ing. Banti della Società Conduzioni agrarie. Gli oratori ebbero poi parole di ringraziamento per il col. Kennedy che ha lasciato in tutti i rurali toscani il più grato ricordo.

Le giurie erano composte dei Sigg.: prof. Renzo Giuliani, presidente, dott. Alberto Picchi, Dott. Guido Tosi, Perito Agrario Renato Orlandi per la prima sezione; Prof. Elvio Borgioli, Dr. Mario Gobbo Perito Agrario Edoardo Garalli per le altre sezioni.

Ecco ora l'elenco dei premiati:

Sezione I. - TORELLI DAI 6 AI 12 MESI

Premi di seconda classe:

toro Zazzi 247 AR, allevatore Società Bonifiche Terriere Ferraresi, proprietario Società Bonifiche Terriere Ferraresi, colono Rosi I.
Toro Zubbio 867 SI, allevatore Svetoni Luigi, proprietario Svetoni Luigi, colono Pardi F.
Toro Ziti 223 AR, allevatore Di Frassineto M, proprietario Di Frassineto M, colono Bardelli A.
Toro Zietto 231 AR, allevatore Società Bonifiche Terriere Ferraresi, proprietario Società Bonifiche Terriere Ferraresi, colono Briganti G.
Toro Zelo 901 SI, allevatore Grilli Giacinto, proprietario Pilotti Raffaele, colono Nannotti F.
Toro Zusco 817 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Bernardini C.
Toro Zurro186 AR, allevatore Società Bonifiche Terriere Ferraresi, proprietario, Società Bonifiche Terriere Ferraresi, colono Gabrielli N.
Toro Zulu 191 AR, allevatore Società Bonifiche Terriere Ferraresi, proprietario, Società Bonifiche Terriere Ferraresi, colono Donnini E.
Toro Zuvo 778 SI, allevatore Lazzerini Dino, proprietario Lazzerini Dino, conto diretto.
Toro Zonato 762 SI, allevatore Calabresi Emilie, proprietario, Puccio Prefumo F., colono Cassioli P.
Toro Zimmo 750 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Mazzetti N.
Toro Zilo 748 SI, allevatore Svetoni Luigi, proprietario Svetoni Luigi, colono Bardelli A.
Toro Zemo 207 AR, allevatore Società Bonifiche Terriere Ferraresi, proprietario Società Bonifiche Terriere Ferraresi, colono Galvani M.

Premi di terza classe:

Toro Zalvo 876 SI, allevatore Svetoni Luigi, proprietario Svetoni Luigi, colono Mencattelli A.
Toro Zufo 871 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Roghi E.
Toro Zuzo 571 AR, allevatore Di Frassineto M., proprietario Di Frassineto M., colono Magi F.
Toro Zabo 903 SI, allevatore Grilli Giacinto, proprietario Grilli Giacinto, colono Palmerini N.
Toro Zundo 849 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Bernardini C.
Toro Zupo 823 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Bernardini C.
Toro Zubi 818 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Bracciali E.
Toro Zulio 792 SI, allevatore Galeotti Ottieri E., proprietario Galeotti Ottieri E., colono Bartolini M.
Toro Zineto 755 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Bracciali G.
Toro Zinetto 738 SI, allevatore Società Conduzioni Agrarie, proprietario Società Conduzioni Agrarie, colono Della Giovampaola V.
Toro Zupo 210 AR, allevatore Società Bonifiche Terriere Ferraresi, proprietario Società Bonifiche Terriere Ferraresi, colono Picciafochi P.
Toro Zin 752 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Marianelli P.
Toro Zufi 203 AR, allevatore Società Bonifiche Terriere Ferraresi, proprietario Società Bonifiche Terriere Ferraresi, colono Bruni A.
Toro Zivio 765 SI, allevatore S. A. S. Polo, proprietario S. A. S. Polo, colono Mencarelli L.
Toro Zisso 735 SI, allevatore Società Conduzioni Agrarie, proprietario Società Conduzioni Agrarie, colono Della Giovampaola V.
Toro Zodo 208 AR, allevatore Società Bonifiche Terriere Ferraresi, proprietario Società Bonifiche Terriere Ferraresi, colono Brini L.
Toro Ziffo 704 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Roghi E.
Toro Zibo 701 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Meacci F.
Toro Ziciano 741 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Feci S.
Toro Zeto 664 SI, allevatore Società Conduzioni Agrarie, proprietario Società Conduzioni Agrarie, colono Della Giovampaola V.
Toro Zenlio 660 SI, allevatore Svetoni Luigi, proprietario Svetoni Luigi, colono Presenti S.
Toro Zindo 696 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Falciani P.

Sezione II. - TORELLI DAI 12 AI 18 MESI

Premi di seconda classe:

Toro Zello 123 AR, allevatore Di Frassineto M., proprietario Di Frassineto M., colono Conti D.
Toro Zollo 86 AR, allevatore Di Frassineto M., proprietario Di Frassineto M., colono Bardelli A.
Toro Zeio 617 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Bernardini C.

Premi di terza classe:

Toro Zelmo 656 SI, allevatore Società Anonima S.Polo, proprietario Società Anonima S.Polo, colono Dragoni P.
Toro Zelessio 651 SI, allevatore Eredi Luatti, proprietario Eredi Luatti, colono Catoni A.
Toro Zenno 644 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Bracciali E.
Toro Zeffirino 604 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Bracciali E.
Toro Zaccario 562 SI, allevatore Passerini Napoleone, proprietario Passerini Napoleone, colono Zurli G.
Toro Zini 1 AR, allevatore Società Bonifiche Terriere Ferraresi, proprietario Puccio Prefumo, colono Palmerini A.
Toro Zuli 81 AR, allevatore Di Frassineto M., proprietario Di Frassineto M., colono Vanni L.
Toro Zado 43 AR, allevatore Di Frassineto M., proprietario Di Frassineto M., colono Scapecchi L.
Toro Zappo 503 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Istituto Agrario Vegni, colono Avanzati V.
Toro Zaffo 500 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Meacci A.
Toro Verdone 433 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Menchetti A.
Toro Vaglio 407 AR, allevatore Società Bonifiche Terriere Ferraresi, proprietario Società Anonima S.Polo, colono Meniconi E.

Sezione III. - TORELLI DAI 18 AI 28 MESI

Premi di seconda classe:

Toro Vernio 427 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Nannotti F.
Toro Volvolo 346 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Martinelli E.

Premi di terza classe:

Toro Vezzi 414 AR, allevatore Budini Gattai E., proprietario Di Frassineto M., colono Vanni L.
Toro Vieto 396 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Botarelli G.

Sezione IV. - TORI OLTRE I 28 MESI

Premi di prima classe:

Toro Titanico 368 SI, allevatore Fratelli Baiocchi, proprietario Fratelli Baiocchi, colono Meniconi R.
Toro Tapi 261 AR, allevatore Società Bonifiche Terriere Ferraresi, proprietario Società Anonima S.Polo, colono Meniconi E.
Toro Sanitario 770 SI, allevatore Passerini Napoleone, proprietario Ciuffi Italo, colono Menchetti A.
Toro Supo 123 AR, allevatore Società Bonifiche Terriere Ferraresi, proprietario Società Conduzioni Agrarie, colono Della Giovampaola V.

Premi di seconda classe:

Toro Urro 812 SI, allevatore Svetoni Luigi, proprietario Svetoni Luigi, colono Lucherini F.
Toro Tancredi 423 SI, allevatore Galeotti Ottieri E., proprietario Galeotti Ottieri E., conto diretto.
Toro Scrio 826 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Società Conduzioni Agrarie, colono Della Giovampaola V.
Toro Ruceo 297 AR, allevatore Di Frassineto M., proprietario Eredi Luatti, colono Catoni P.

Premi di terza classe:

Toro Ustionato 679 SI, allevatore Ciuffi Italo, proprietario Ciuffi Italo, colono Menchetti A.

Il lavoro di selezione della razza Chianina ha superato anche quest'anno al Mercato Concorso di Montepulciano il suo collaudo annuale, dimostrando la bontà dei risultati ottenuti e il continuo progresso apportato alle caratteristiche di questa razza. Se non vi sono state interruzioni o deviazioni, nonostante il lungo ed estenuante periodo bellico ed il passaggio della guerra guerreggiata sul territorio toscano, ma si è sempre continuato con gli stessi rigorosi criteri, ciò è dovuto alla tenacia, alla costanza e alla passione di tutti coloro che in Toscana si occupano del miglioramento zootecnico e cioè tecnici ed allevatori, i quali ultimi hanno ormai compreso, ed i risultati ne danno continua conferma, che solo seguendo rigorosamente la via tracciata si può arrivare a risultati sicuri e durevoli.

Dr. P. G. BUIATTI.

1) Archivio Giordano Cioli
appunti/giordano/mercati/1946-1.txt · Ultima modifica: 19/06/2017 11:48 da miro