Strumenti Utente

Strumenti Sito


Barra laterale

Entrata
Benvenuti.
Chi siamo
Chi siamo?
Progetti in essere
La vita intorno la chianina
Ex-voto
Federigo Terrosi
Baricci Giulio Piero
Didattica
Mi ricordo che...
Video
Video.
Immagini
Galleria Miro
Presentazioni
Presentazione del 5.8.2016
Interviste
Interviste
Altro
Sulla privacy
Chat
Visite
Ebook


1
online

Nuova pagina

Non sei autorizzato ad aggiungere nuove pagine

Indice.

nolink


Tutti i contenuti della piattaforma sono pubblicati sotto licenza Creative commons - Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo

appunti:giordano:mercati:1940-m._p._stazione

X-1940-1 M. P. Stazione (trascrizione)

Citare la fonte

Estratto da1)

L’VIII Mercato Concorso Interprovinciale Tori e Torelli di razza Chianina si svolge a Montepulciano Scalo il 8-9 giugno 1940 XVIII, presso il Foro Boario.
Saranno riuniti, per l’annuale mercato concorso, 121 tori e torelli chianini iscritti (27 nuclei aretini e 94 a quelli senesi), appartenenti ai nuclei di selezione della Val di Chiana senese e aretina.
I 106 soggetti presentati, prodotti nei nuclei di selezione della Val di Chiana senese ed aretina erano così ripartiti: 1.a Sezione: Soggetti di 6-12 mesi di età n.60; 2.a Sezione: Soggetti di 12-18 mesi di età n.25; 3.a Sezione: Soggetti di 18-28 mesi di età n.10; 4° Sezione: Soggetti di oltre 28 mesi di età n.11.
Le giurie, presiedute dal prof. Gino Passerini, Ispettore Agrario Compartimentale, hanno ultimato il loro delicato lavoro nella giornata di sabato 8.
La valutazione dei soggetti è stata fatta, come di consueto, basandosi sulla genealogia, sull'incremento in peso e sulla morfologia.
I soggetti che hanno riportato un punteggio morfologico inferiore a 75 su cento sono stati esclusi dalla premiazione, come pure quelli che, pur riportando un punteggio totale superiore al minimo fissato, non hanno raggiunto il punteggio di almeno 6 decimi in una delle singole voci contemplate nella scheda di valutazione.
Quelli che hanno riportato un punteggio totale fra 75 ed 80 centesimi sono stati classificati di terza classe, purché, riguardo all'incremento in peso, non presentassero un indice inferiore al 10% in confronto alla media di razza.
I soggetti che hanno ottenuto per la morfologia un punteggio fra l'80 e l'85 su cento sono stati classificati di seconda classe quando avevano un incremento in peso fra il + 10% e quello della media di razza.
Solo i soggetti che hanno realizzato un punteggio totale di 85 o più su cento sono stati classificati di prima classe, purché avessero, però, un incremento in peso del 10 o più per cento in confronto alla media di razza e fossero figli di un toro che attraverso la discendenza si fosse dimostrato miglioratore.
Seguendo rigorosamente questi criteri, n.9 soggetti sono stati esclusi dalla classifica; n.56 classificati di terza classe: n.40 classificati di seconda classe ed un solo soggetto (Orco 1667 SI dei F.lli Baiocchi di Montepulciano) è stato classificato di prima classe.

Caponucleo e figli presenti

Lulio 174 SI presentava il maggior numero di figli (n.13), seguito da vicino da Lutero 631 AR con 12 soggetti.
Sultano 102 SI era rappresentato da 8 figli, tutti soggetti morfologicamente a posto e che hanno riportato ottime classifiche (n.5 di seconda classe e n.3 di terza classe).

13

Lulio 174 SI
12

Lutero 631 AR
8

Sultano 102 SI
Quattro degli otto figli di Sultano 102, di 9-14 mesi di età sono stati venduti a prezzi variabili dalle 5 alle 7 mila lire.
Nodi 590 AR era rappresentato solo da tre figli, tutti e tre classificati di seconda classe con buoni punteggi.
Mattutino 1271 SI, Apollo 106 SI e Adone 99 SI, presentavano ciascuno un discreto numero di discendenti, diversi dei quali, però, non sono stati classificati, mentre gli altri hanno figurato mediocremente, generalmente per il deficiente incremento in peso.
Prendiamo lo spunto da ciò per richiamare l'attenzione degli allevatori affinché venga ancora migliorato il sistema di allevamento e di alimentazione, diffondendo maggiormente l'impiego dei mangimi concentrati ed adoperando razioni ben bilanciate, che sono indispensabili per l'allevamento dei torelli.
Pur nelle attuali contingenze, l'esito dell'ottava rassegna dei tori e torelli chianini deve ritenersi più che buono, sia perché si è constatato un sensibile miglioramento morfologico nei soggetti presentati, sia per l'interessante confronto che si è potuto fare fra i discendenti dei vari capinuclei, alcuni dei quali si sono dimostrati buoni razzatori; sia infine, per l'elevato numero dei torelli presenti nelle sezioni dei nati nel 1939 e per le numerose vendite effettuate.
Sono stati venduti n.26 soggetti di 9-16 mesi di età e si sono spuntati prezzi variabili dalle 4 alle 9 mila lire per capo.
Il maggior numero dei soggetti venduti è rimasto nell'ambito della provincia di Siena.
Gli altri torelli sono emigrati nelle province di Rieti, Firenze, Arezzo, Perugia e Viterbo.
Una innovazione apportata quest'anno al mercato-concorso, innovazione che ha riscosso il pieno consenso dei tecnici ed allevatori, è stata la sfilata dei capi nuclei seguiti dai migliori discendenti.
Tale istruttiva sfilata, percorrendo l'ampio semicerchio del foro boario fra due fitte ali di pubblico interessato e sostando davanti al palco delle autorità, ha chiuso la rassegna primaverile dei riproduttori della Val di Chiana.

Elenco dei soggetti premiati all’VIII Mercato Concorso tori e torelli chianini.

Sezione Prima.

Premi di seconda classe:

1° premio, Priero 1172 SI figlio di Doro 59, proprietario Lazzerini Dino.
2° premio, Parrano 1357 SI figlio di Lulio 174, proprietario Ciuffi Italo.
3° premio, Pillo 243 AR figlio di Nodi 590 proprietario Di Frassineto Massimo.
4° premio, Fardello 1308 SI figlio di Nettuno 56 proprietario Società Conduzioni Agrarie.
5° premio, Palarco 122 AR figlio di Lutero 631 proprietario Società Bonifiche Ferraresi.
Premi di terza classe:
1° premio, Panettone 1139 SI figlio di Lulio 174 proprietario Ciuffi Italo.
2° premio, Peone 1321 SI figlio di Nestore 548 proprietario galeotti Ottieri.
3° premio, Porsenna 270 AR figlio di Lutero 631 proprietario Società Bonifiche Ferraresi.
4° premio, Puzzolo 1225 SI figlio di Marco 111 proprietario F.lli Baiocchi.
5° premio, Panzone 1225 SI figlio di Banino 29 proprietario Passerini Napoleone.

Sezione seconda.

Premi di seconda classe:
1° premio, Porro 940 SI figlio di Lulio 174 proprietario Ciuffi Italo.
2° premio, Pascià 1059 SI figlio di Lulio 174 proprietario Ciuffi Italo.
3° premio, Picciotto 969 SI figlio di Lulio 174 proprietario Ciuffi Italo.
4° premio, Papavero 1124 SI figlio di Sultano 102 proprietario Di Frassineto Massimo.
5°premio, Peloni 1000 SI figlio di Sultano 102 proprietario Bucelli Antonio.
Premi di terza classe:
1° premio, Panco 165 AR figlio di Negus 544 proprietario Di Frassineto Massimo.
2° premio, Perito 1104 SI figlio di Marco 111 proprietario Galeotti Ottieri.
3° premio, Profeta 1083 SI figlio di Mattutino 1271 proprietario Puccio Prefumo.
4° premio, Oriolo 903 SI figlio di Marco 111 proprietario F.lli Baiocchi.
5° premio, Pontinio 138 AR figlio di Lutero 631 proprietario Società Bonifiche Ferraresi.

Sezione terza.

Premi di prima classe:
1° premio, Orco 1667 SI figlio di Istico 1032 proprietario F.lli Baiocchi.
Premi di seconda classe:
1° premio, Ongino 747 SI figlio di Nettuno 56 proprietario Società Conduzioni Agrarie.
2° premio, Oriago 945 AR figlio di Lutero 631 proprietario Società Bonifiche Ferraresi.
3° premio, Oriente 760 SI figlio di Lulio 174 proprietario Ciuffi Italo.
4°premio, Orango 861 SI figlio di Lulio 174 proprietario Ciuffi Italo.
Premi di terza classe:
1° premio, Oviedo 1766 SI figlio di Sultano 102 proprietario Di Frassineto Massimo.
2° premio, Orano 925 AR figlio di Ippio 846 proprietario Di Frassineto Massimo.
3° premio, Odonte 702 SI figlio di Mercurio 51 proprietario Bologna Francesco.
4° premio, Oppresso 802 SI figlio di Adone 99 proprietario Eredi Bargagli.
5° premio, Otello 436 AR figlio di Istarte 55 proprietario Eredi Baroncelli.

Sezione quarta.

Premi di seconda classe:
1° premio, Mariano 382 SI figlio di Bellino 30 proprietario Pilotti Raffaele.
2° premio, Istico 1032 SI figlio di Banino 29 proprietario Passerini Napoleone.
3° premio, Nestore 548 SI figlio di Drago 77 proprietario Galeotti Ottieri.
4° premio, Lulio 174 SI figlio di Lampo 13 proprietario Ciuffi Italo.
5° premio, Nilone 130 AR figlio di Istarte 55 proprietario Eredi Baroncelli.

Premi di terza classe:

1° premio, Nautilo 21 AR figlio di Istarte 55 proprietario Istituto Agrario Vegni.
2° premio, Neiuo 1351 AR figlio di Trento 595 proprietario Società Conduzioni Agrarie.
3° premio, Nullo 555 SI figlio di Drago 77 proprietario Eredi Luatti.

1) Archivio Giordano Cioli
appunti/giordano/mercati/1940-m._p._stazione.txt · Ultima modifica: 18/06/2017 07:25 da miro