Strumenti Utente

Strumenti Sito


Barra laterale

Navigazione

Benvenuti
Chi siamo
Documenti
Foto
Progetti
Il blog dei dilettanti.
CondiviBiblio
Mediateca
crea libro elettronico
Video
Partecipazione
Centro studi
Sondaggi
Siamo qui
Il calendario
Forum
Sulla privacy


Visite
Posta


0
online

Albero delle cartelle




blog:2018-05-18:contratto_di_governo

Contratto di governo

Confesso che non mi era mai successo, nemmeno quando militavo nelle formazioni che si richiamavano allo Stato ed alla Democrazia dei Consigli. È pur vero che non esisteva internet ma non era l'unico impedimento.
La differenza tra ciò che ho fatto durante la mia giovinezza ed oggi alle 14:12 , credo si possa riassumere in un proverbio:«Tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare».
E questo mare delle belle parole e dei fatti niente me lo hanno fatto traversare questi giovani deputati del movimento 5 stelle che con tanta umiltà e caparbietà hanno costretto chi non la pensa come loro a provare una cosa inedita: partire dal quotidiano di coloro che li hanno votati. Dalla vita dei ragazzi, delle massaie, dei nonni, dei disoccupati, dei giovani senza speranza, dei lavoratori senza certezze e di coloro che perdono la vita in un cantiere per un tozzo di pane… Finalmente ho votato ||1) a questa proposta di contratto di governo, a questa novità sollecitata da coloro che hanno capito che senza coinvolgimento personale non c'è cambiamento. Nella nostra vita, tantomeno nel nostro circostante.

Ve ne faccio partecipi perché ciascuno di voi è passato dalle pagine di questa piattaforma ed ha condiviso la speranza che si possa abbattere il divario digitale e la consapevolezza che, attraverso la rete, si possa agevolare la partecipazione alla cosa pubblica. Almeno lo spero. Come spero che avrete accettato e compreso perché ho insistito a farvi votare tutte le volte che ci siamo incontrati.
Bilanci partecipati, scelte partecipate, investimenti pubblici partecipati sono lì dietro l'angolo. Forse ancora non si scorgono ma quando il seme è gettato qualcosa dovrà pur nascere. Se non altro il dubbio che un mondo diverso sia possibile.
P.S.:
  1. non condivido tutto il contenuto del documento, anzi ci sono cose che chiameranno tisane riparatrici ma si sa che i compromessi lo impongono;
  2. non mi illudo che si possa realizzare tutto ciò che è scritto ma è più difficile che si possa tornare a ieri;
  3. immagino che i poteri forti faranno di tutto per fermare il cambiamento;
  4. possiamo anzi dobbiamo coltivare il dubbio e mettere i piedi per terra, respirare profondo, poi però dobbiamo riprendere la pedalata;
  5. mancano obiettivi che avrei gradito ma si torna al ragionamento del punto 1;
  6. a 64 anni, per la prima volta, mi capita di sentirmi considerato come cittadino e non solamente come contribuente: non sono completamente soddisfatto2) ma percepisco il cambiamento;
  7. e toglietevi quel ghigno dalla bocca, signori giornalisti da salotto. Cucitevi quei sorrisetti di sufficienza perché stavolta provano a partire dagli ultimi. Con educazione, s'intende, ma fatevi in là.
1)
sulla piattaforma Rousseau
2)
e chi lo è?

Commenti



Potresti lasciare un commento se ti fossi autenticato.
blog/2018-05-18/contratto_di_governo.txt · Ultima modifica: 19/05/2018 07:19 da cesiano